Certificazione energetica: obbligatoria dal .2012

Dal 1 gennaio 2012 diventa obbligatoria la certificazione energetica degli immobili soggetti a compravendita o affitto.

 

In questo articolo vediamo brevemente cosa è questo documento e perché è importante.

La casa è viva.

Un immobile, e nella fattispecie, un'abitazione, non è soltanto una scatola con delle pareti. Esso è destinato a ospitare l'uomo.

Per questo, l'immobile deve essere progettato per garantire la vivibilità al suo interno. Con questo intendiamo non solo il decoro architettonico del suo interno, ma anche tutta una serie di fattori che permettono agli abitanti di svolgere le loro attività in "tranquillità".

Per fare un esempio, una stanza che d'estate è molto fresca, può essere molto umida d'inverno, e questo è sintomo di muri non isolati o addirittura impregnati di umidità. Una stanza con poca illuminazione renderà il consumo di elettricità maggiore.

 

 

Questi sono esempi che si riferiscono alla struttura dell'abitazione. Esistono altri parametri che, invece, si riferiscono al consumo energetico e, ovviamente, sono strettamente legati agli ai parametri strutturali. Se infatti una stanza è stata progettata male, perché è troppo a nord, o le sue pareti non sono traspiranti, avremo un consumo di energia elettrica maggiore, in quanto per combattere le conseguenze della mala progettazione, dovremo impiegare deumidificatori per deumidificare l'ambiente, aria condizionata per il riscaldamento e lampade per l'illuminazione.

I parametri strutturali ed energetici dell'immobile vanno a determinare il fabbisogno energetico dell'edificio, sulla base del quale si determina la cosidetta Classe. La classe non è altro che una lettera che indica la prestazione energetica di un edificio. La definizione data dalla normativa è la seguente:

La classe energetica globale dell’edificio è l’etichetta di efficienza energetica attribuita all'edificio  sulla base di un intervallo convenzionale di riferimento all’interno del quale si colloca la sua prestazione energetica complessiva. La classe energetica è contrassegnata da una lettera. La classe energetica globale dell’edificio comprende sottoclassi rappresentative dei singoli (a titolo esemplificativo classe B, B+). Possono coesistere delle maggiori specificazioni all’interno della stessa classe.

Sulla base della classe energetica, il relatore del documento certificatorio deve, o dovrebbe, inserire una serie di suggerimenti per il miglioramento delle prestazioni energetiche. Ricordiamo che la prestazione energetica di un edificio non è soltanto un indice teorico o un esercizio di calcolo; essa dice, in soldoni, quanto peserà sulle tasche del conducente la gestione e manutenzione dell'immobile. Un appartamentino con un affitto basso, potrebbe richiedere interventi costanti lungo il corso dell'anno per garantirne la vivibilità, o, peggio, il ricorso a soluzione drastiche per il riscaldamento o il raffrescamento, che peserebbero sulle bollette mensili. Per questo, il certificato energetico è un documento che va richiesto da chi andrà ad abitare l'immobile. E' una specie di certificato DOC degli immobili. Un'etichetta ad uso del "consumatore". Per questo, i certificati energetici vanno fatti con criterio, strumentazione adatta e preparazione teorica/pratica per non incorrere in certificati inesatti o, addirittura, menzogneri.

 

 

Modulo di contatto

Per contattaci compila il form in tutte le sue parti.

Japita-se
Via Apollo, 6 
84043 Agropoli SA
 
TEL. 0974.551001
P.Iva: 04854760651
info_at_japita-se.it

Privacy & Cookie Policy
 

Reference

NAVIGANDO SU QUESTO SITO ACCONSENTI ALL'UTILIZZO DEI COOKIE, DESCRITTI NELLA PAGINA Privacy Policy.